La Natività


Ci troviamo nel Montefeltro, in località Boaggine, alle pendici di monte Carpegna (1415m) e abbiamo di fronte Villagrande di Montecopiolo (PU) a cavallo di due valli: la Valle del Conca, a destra, e la Valmarecchia a sinistra

Il fondale della natività è composto da due distinti paesaggi: a sinistra un pesaggio rurale, a destra, uno scorcio urbano che rimanda, secondo la letteratura, a Borgo San Sepolcro, città natale del pittore.

In linea con la nostra specializzazione, orientata soprattutto all'analisi fisica, abbiamo preso in esame solo il paesaggio rurale sulla sinistra.

A sinistra l'attuale paesaggio: in primo piano il monte montone, con ai piedi il paese di Villagrande.

Subito dietro, a destra, Montecopiolo, sulla cima sorgeva un importantissimo castello da cui ebbero origine i Montefeltro.
Oggi, grazie al lavoro del Centro di Archeologia Medioevale dell'Università di Urbino, è possibile visitare il luogo con i resti recuperati dell'antico castello.

A destra il dipinto: si noti la marcata differenza tra la vegetazione scarsa del tempo e quella di oggi, che non permette più di cogliere le caratteristiche geologiche del rilievo.
Si noti ancora l'abbondanza di acque alla base del Montone storicamente documentata (cfr. Daniele Sacco, il lago anticamente detto "del Duca" ed il "Barco ducale" a Montecopiolo, "Studi Montefeltrani")